Torniamo tutti diciottenni un giorno

by Nicola Greco

Mi ricordo un anno fa quando sul mio blog mi ero fatto gli auguri da solo scrivendo tutte le avventure successe durante i sedici anni.

Come è volato il tempo? Non pensavo i 17 fossero così veloci. Eppure sono passati e hanno completamente stravolto la vita quotidiana. L’indecisione sullo studiare all’estero, poi decidere e partire. Fare su e giù per l’Inghilterra/Italia, prenderere aerei su aerei a volte per le feste, a volte per conferenze, prendendo circa 18 aerei. Sono andato in televisione, ho salutato la Bignardi e ripartito per terminare gli esami, senza neanche avere il tempo di capire che cosa era successo. Quest’anno è stata una corsa.

Qui sono ancora le undici, ma il mio cuore batte italiano.
Con la voglia di correre ancora, auguri a me e cento di questi giorni.

Un grazie a tutte a tutte le persone, grandi, giovani, stranieri, con gli occhiali, sorelle, bionde, buone e cattive che hanno reso questo anno pieno di magia.

Si gira pagina, nuovo capitolo.

Articoli correlati:

  1. (Quasi) un anno dopo e (quasi) un anno in più.